Come correggere l'errore di schermata blu ndis.sys su Windows?

'È l'incuria di riparazioni tempestive

che rende necessaria la ricostruzione '

Richard Whately



I problemi di Ndis.sys sono qualcosa che un utente di PC Windows può incontrare in qualsiasi momento e ottenere un grave caso di frustrazione. Si tratta di problemi persistenti, sfuggenti e fastidiosi che emergono dal nulla e provocano errori di Blue Screen of Death, alta latenza e molti sibili e strappi di capelli. Fortunatamente, sappiamo come riparare la schermata blu ndis.sys su Windows e come correggere la latenza di ndis.sys, quindi continua a leggere per risolvere il tuo problema.

Cos'è NDIS?



NDIS, acronimo di Network Driver Interface Specification, è un componente legittimo del sistema operativo Windows. È un'interfaccia di programmazione dell'applicazione utilizzata per le schede di interfaccia di rete. In poche parole, consente ai driver di funzionare come dovrebbero su un computer di rete e aiuta la macchina su cui è installato a comunicare con l'hardware e i dispositivi collegati.

Cos'è ndis.sys?

Ndis.sys è un file di sistema di Windows correlato alla specifica dell'interfaccia del driver di rete. Essendo parte essenziale del sistema operativo Windows, ndis.sys è firmato digitalmente da Microsoft e si trova nella cartella C: Windows System32 drivers. Idealmente, questo file non dovrebbe influire sulle prestazioni del PC o causare problemi. In pratica, le cose spesso vanno fuori strada, il che si traduce in fastidi legati a ndis.sys.

Posso disabilitare ndis.sys?

Ad essere onesti, non dovresti. Innanzitutto, è essenziale per il normale funzionamento del sistema operativo. Secondo, anche se chiudi ndis.sys, molto probabilmente ricomincerà. Pertanto, se questo file attiva errori BSOD o latenza elevata, la soluzione migliore è, di gran lunga, un'accurata risoluzione dei problemi. Che è ciò che puoi facilmente eseguire se continui a lavorare fino in fondo.

Perché vengono visualizzati i problemi di ndis.sys?



La triste verità è che le cause esatte dei problemi di ndis.sys sono davvero difficili da risalire. Driver difettosi, software dannoso, file di sistema corrotti o mancanti, problemi di registro sono tra questi e l'elenco potrebbe continuare. Pertanto, ti consigliamo di provare ogni correzione di seguito per assicurarti che nessuna pietra venga lasciata intatta.

Come posso correggere l'errore della schermata blu ndis.sys e la latenza di ndis.sys su Windows?

La buona notizia è che i problemi in questione sono effettivamente risolvibili. In questo articolo, puoi trovare soluzioni per loro quando si verificano in Windows 10 o 7, poiché questi sistemi operativi sono spesso segnalati come particolarmente colpiti da quelle disgrazie. Tuttavia, se ti capita di riscontrare problemi con ndis.sys in Windows 8 o 8.1 (sebbene tali casi siano meno frequenti), sentiti libero di provare le nostre soluzioni: è probabile che funzionino anche per te.

Ora che sei a conoscenza delle nozioni di base di ndis.sys, è il momento di iniziare la nostra avventura di risoluzione dei problemi:

  • Aggiorna i tuoi driver



Questa è senza dubbio la tua prima linea di azione poiché ndis.sys è strettamente correlato al software del tuo driver. In effetti, i driver difettosi o antiquati sono in grado di devastare il tuo sistema, quindi dovresti affrontarli immediatamente.

Esistono 3 modi per risolvere i problemi del driver. Sentiti libero di sceglierne uno in base alle tue esigenze e preferenze:

Questa è l'opzione più semplice e sicura nell'elenco. Puoi utilizzare Driver Updater per aggiornare tutti i tuoi driver con un clic e molto probabilmente dire addio al tuo problema con ndis.sys.




Usa Gestione dispositivi

Lo strumento Gestione dispositivi integrato può cercare online il software del driver necessario. Ecco le istruzioni per

Windows 7

  1. Fare clic sull'icona del logo di Windows. Apparirà il menu Start.
  2. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Computer. Seleziona l'opzione Gestisci dal menu.
  3. Si aprirà la schermata Gestione computer.
  4. Una volta lì, seleziona Gestione dispositivi.
  5. Prendi un dispositivo e fai clic con il pulsante destro del mouse su di esso.
  6. Scegli di aggiornare il suo driver.

Windows 10

  1. Premi il logo Windows + la scorciatoia X sulla tastiera per aprire il menu di accesso rapido.
  2. Seleziona Gestione dispositivi dall'elenco delle opzioni disponibili.
  3. Fai clic con il pulsante destro del mouse su un dispositivo e scegli di aggiornare il driver del dispositivo.

Infine, seleziona l'opzione che consente a Gestione dispositivi di cercare il driver necessario online. Tieni presente che dovresti ripetere i passaggi sopra indicati per ogni componente hardware quale software del driver desideri aggiornare.



Aggiorna i tuoi driver manualmente

Questo è sicuramente un approccio fai-da-te. Affinché funzioni bene, dovresti conoscere i dettagli esatti del driver di cui il tuo dispositivo ha bisogno per funzionare correttamente. Quindi dovresti cercare il software online. L'opzione migliore è iniziare dalla pagina web ufficiale del produttore del tuo dispositivo. Ricorda che dovresti stare molto attento poiché l'installazione di qualcosa di inappropriato potrebbe far andare in tilt il tuo sistema.

  • Scansiona il tuo PC alla ricerca di malware

Sfortunatamente, ci sono molte entità dannose che spesso riescono a mascherarsi come ndis.sys, quindi in realtà c'è un'alta probabilità che tu abbia a che fare con un computer infetto da malware. Con questo in mente, è meglio eseguire una scansione completa del sistema senza ulteriori ritardi. A tal fine, sei libero di utilizzare il tuo antivirus principale, se è sufficientemente affidabile e affidabile da poterti affidare la sicurezza del tuo PC.

Detto questo, Windows Defender è ancora una soluzione piuttosto utile quando si tratta di eliminare un computer da elementi nefasti. Ecco come puoi usarlo a tuo vantaggio in

Windows 7

  1. Sulla tastiera, individua il logo di Windows e i tasti S e premili contemporaneamente. Questo richiamerà la ricerca.
  2. Nella ricerca, digita 'Difensore' (senza virgolette).
  3. Seleziona Windows Defender dall'elenco dei risultati della ricerca.
  4. Nella finestra principale di Windows Defender, fai clic su Scansione.
  5. Vai alla freccia accanto a Scansione. Fare clic sull'icona.
  6. Seleziona l'opzione Scansione completa.

Windows 10

  1. Vai alla barra delle applicazioni e fai clic sull'icona del logo di Windows.
  2. Nel menu Start, seleziona l'ingranaggio Impostazioni.
  3. Fare clic su Aggiorna e sicurezza. Quindi seleziona Windows Defender.
  4. Fare clic sul collegamento Apri Windows Defender.
  5. Arriverai alla finestra di Windows Defender Security Center. Lì vai al riquadro di sinistra e fai clic sull'icona dello scudo.
  6. Seleziona Scansione avanzata. Scegli Scansione completa.

Esegui una scansione anti-malware completa del tuo sistema operativo con Windows Defender.

Nota che se un malware particolarmente pericoloso ha trovato la sua strada nel tuo prezioso computer, il buon vecchio Windows Defender potrebbe non essere sufficiente per salvare la giornata. Pertanto, la tua macchina potrebbe aver bisogno di ulteriore aiuto per sfuggire alla trappola del malware. Per salvare il tuo computer, puoi reclutare Anti-Malware per eseguire una vera e propria crociata anti-malware: questo strumento troverà e rimuoverà anche quelle minacce che altri prodotti antivirus potrebbero non riuscire a rilevare.

Mantieni il tuo PC protetto da minacce dannose.

  • Disattiva temporaneamente il tuo antivirus

L'installazione di un nuovo prodotto antivirus ha preceduto la tua sfortuna ndis.sys? Se è così, lo strumento in questione potrebbe essere il colpevole. Dovresti disabilitarlo temporaneamente per verificare se è veramente la colpa del tuo malfunzionamento ndis.sys. Se effettivamente attiva la schermata blu ndis.sys su Windows o la latenza ndis.sys, è ovvio che dovresti smettere immediatamente di usare quel software e contattare il suo produttore. Potresti persino passare a un'altra soluzione antivirus.

  • Aggiorna il tuo sistema operativo

Se il tuo sistema operativo non è aggiornato, la schermata blu di ndis.sys e la latenza di ndis.sys sono tra gli scenari che potrebbero evolversi sul tuo computer. Poiché entrambi sono un risultato indesiderato, ti consigliamo di aggiornare il tuo sistema, utilizzando le istruzioni seguenti:

Per aggiornare Windows 10, procedi come segue:

  1. Richiama il menu di avvio (lo hai già fatto un buon numero di volte).
  2. Vai al menu Impostazioni (fai clic sull'icona a forma di ingranaggio nel menu di avvio).
  3. Lì seleziona Aggiorna e sicurezza.
  4. Verifica se sono presenti aggiornamenti in attesa di essere installati. Confermali.
  5. Se non ci sono aggiornamenti suggeriti, fare clic su Controlla aggiornamenti.

Verifica la disponibilità di aggiornamenti per risolvere il problema del file di sistema.

Ed ecco come puoi aggiornare Windows 7:

  1. Apri il menu Start e seleziona Pannello di controllo.
  2. Fare clic su Sistema e sicurezza.
  3. Seleziona Windows Update.
  4. Passa al riquadro sinistro e seleziona Verifica la disponibilità di aggiornamenti.

Scarica e installa gli aggiornamenti suggeriti e verifica se questa manovra ha risolto il tuo problema.

  • Esegui una scansione SFC

Se i tuoi problemi ndis.sys persistono, alcuni dei tuoi file di sistema critici potrebbero essere corrotti o mancanti. Per ripristinarli, è necessario utilizzare lo strumento Controllo file di sistema, che fa parte del sistema operativo:

  1. Premi il logo Windows + la scorciatoia da tastiera S sulla tastiera.
  2. Una volta che la ricerca è attiva, digita cmd.
  3. Individua il prompt dei comandi e fai clic con il pulsante destro del mouse su di esso.
  4. Scegli Esegui come amministratore.
  5. Digita sfc / scannow e premi Invio per eseguire il comando.

Esegui una scansione SFC per verificare la corruzione dei file di sistema.

È necessario attendere pazientemente fino al completamento della scansione: non interrompere il processo. Infine, esci dal prompt dei comandi con privilegi elevati e riavvia il computer. Il tuo Windows sostituirà tutti i tuoi file di sistema problematici all'avvio.

  • Controlla il tuo disco rigido per errori

I dischi rigidi danneggiati sono una causa comune dei problemi di ndis.sys, quindi è il momento di controllare il disco. Per farlo, segui queste linee guida:

  1. Esegui il prompt dei comandi come amministratore (vedi la correzione precedente per sapere come).
  2. Digita chkdsk c: / r (se c è la partizione in cui è installato il tuo sistema) e premi il tasto Invio.

Attendi che la scansione finisca. Quindi esci dal prompt dei comandi e riavvia il PC. Si spera che questa soluzione abbia risolto il tuo problema.

  • Esegui DISM

Lo strumento di manutenzione e gestione delle immagini di distribuzione è molto utile quando è necessario risolvere BSOD e problemi di latenza. Per eseguirlo, procedi come segue:

  1. Avvia il tuo prompt dei comandi come amministratore.
  2. Digita i seguenti comandi (premi Invio dopo ciascuno):

DISM / online / Cleanup-Image / ScanHealth

DISM / Online / Cleanup-Image / RestoreHealth

Riavvia il PC al termine del processo. Il tuo problema è stato risolto? Bene, se finora non c'è fortuna, non lasciare che i pensieri negativi prendano il sopravvento. Procedi alla seguente correzione: si dice che funzioni a meraviglia.

  • Correggi il tuo registro

Se tutte le soluzioni di cui sopra non sono state di aiuto, i tuoi problemi potrebbero derivare da un registro di sistema corrotto o danneggiato. Sconsigliamo di modificarlo manualmente poiché anche un piccolo errore nel processo può letteralmente distruggere il tuo Windows. Ecco perché l'opzione più sicura è utilizzare uno strumento speciale che svolga il lavoro per te. Ad esempio, Registry Cleaner funzionerà sul registro con precisione chirurgica in modo da poterlo riparare e riparare senza rischi. A proposito, questo strumento è gratuito al 100%.

Hai bisogno di uno strumento sicuro per modificare il tuo registro.

  • Eseguire un ripristino del sistema

Se non sembra esserci alcun lato positivo nel tuo caso cloud, l'opzione nucleare è ricorrere al viaggio nel tempo. In effetti, Ripristino configurazione di sistema, che dovrebbe aiutarti nella tua situazione, è un'ottima funzionalità: riporterà il tuo sistema a un punto in cui il tuo problema ndis.sys non era qui e lascerà i tuoi file personali inalterati. Tuttavia, affinché funzioni, dovrebbero essere presenti punti di ripristino del sistema sul tuo computer. Fortunatamente, il tuo sistema spesso li crea automaticamente quando qualcosa di importante sta per accadere sul tuo PC, quindi è probabile che questo metodo si riveli una via d'uscita per te.

Ecco come eseguire un ripristino del sistema in

Windows 7:

  1. Vai al menu Start, individua la casella di ricerca, quindi digita Ripristino configurazione di sistema.
  2. Nella schermata Ripristino configurazione di sistema, fare clic sull'opzione Ripristina file e impostazioni di sistema. Quindi fare clic su Avanti.
  3. Seleziona il punto di ripristino in cui desideri ripristinare il sistema e fornisci la tua conferma.

Windows 10:

  1. Apri il menu Start. Individua il riquadro Pannello di controllo. Cliccaci sopra.
  2. Sistema aperto e sicurezza. Quindi seleziona Cronologia file.
  3. Sposta in recupero. Seleziona Apri Ripristino configurazione di sistema.
  4. Fare clic su Avanti. Quindi scegli il punto di ripristino a cui tornare. Recupera i tuoi file in pochissimo tempo.
  5. Fare clic su Avanti e quindi su Fine.

Ci auguriamo che tu abbia risolto con successo il tuo problema ndis.sys.

Se sei stato così sfortunato da perdere alcuni dei tuoi documenti personali a causa del tuo problema ndis.sys, non devi preoccuparti: puoi ripristinarli facilmente con Recupero file .

In caso di domande o commenti sui problemi descritti in questo articolo, è possibile indicarli di seguito.