Il mio computer può essere violato se è spento?

Informazioni sensibili, come dettagli bancari, conversazioni private e fotografie intime, vengono esposte o trapelate quotidianamente. Con l'emergere di nuove violazioni dei dati e attacchi informatici in tutto il mondo, individui, aziende e governi sono diventati più vigili sulla sicurezza informatica.



Forse ti starai chiedendo se la minaccia di essere violato sia qualcosa di cui devi preoccuparti. Potresti aver sentito parlare dei molti modi in cui gli hacker possono rubare le tue informazioni. Storie così spaventose possono facilmente renderci paranoici. Alcune delle tecniche comuni utilizzate dagli hacker:

  • Annunci e link per il download con malware
  • Rubare cookie (nomi utente, password e cronologia di navigazione) tramite siti non crittografati
  • E-mail con allegati e collegamenti infetti
  • Annunci dirottati con codici dannosi

D'altra parte, vale sempre la pena essere ragionevolmente cauti riguardo alle informazioni che scarichiamo o condividiamo online. È consigliabile adottare misure di sicurezza e porre domande su come proteggersi online. D'altra parte, cosa succede quando vai offline? È possibile hackerare un computer spento?



Qualcuno può hackerare il tuo PC quando vai offline e spegnerlo?



In questo articolo, risponderemo a questa domanda e ti daremo alcuni suggerimenti su come proteggerti dall'hacking.

È possibile hackerare un computer spento?

Le persone nel settore tecnologico sono state divise sulla possibilità di hackerare senza Internet. Un hacker può accedere a un computer spento? Gli esperti di tecnologia dicono che è improbabile ma ancora fattibile.

Qualcuno può hackerare un computer disabilitato?



Nel mondo della tecnologia, non ci sono risposte in bianco e nero. In questo scenario, esistono fattori che possono o meno rendere possibile l'hacking di un computer spento. Tuttavia, saresti felice di sapere che la risposta generale a questa domanda è 'no'. Se il tuo computer è spento, non può essere avviato e hackerato anche se lo lasci collegato alla fonte di alimentazione ea Internet.

Eccezione alla regola: consentire l'accesso remoto

In generale, l'hackeraggio di un computer spento non è possibile in un ambiente domestico. Tuttavia, può accadere in reti condivise come un ambiente d'ufficio. Ci sono funzionalità che ti consentono di accendere e avviare un computer da remoto.

Fondamentalmente in questo scenario, se non si spegne completamente l'adattatore di rete per il computer, l'unità può ricevere istruzioni specifiche al risveglio. Tale funzione può essere attivata se si abilitano determinate impostazioni del computer sul BIOS come 'riattivazione LAN' o 'riattivazione USB'.



Ad esempio con 'Wake on LAN', il computer può essere configurato per rispondere alle istruzioni remote. Un segnale speciale può essere inviato al computer su una rete condivisa, consentendo all'hacker di riaccenderlo e accedere a tutti i dati di cui ha bisogno. Senza un software di sicurezza appropriato installato, come strumenti anti-malware come Anti-Malware, è possibile per gli hacker accedere al computer da remoto anche se è spento.

Un tale scenario è probabile in ambienti aziendali in cui esistono circostanze che richiedono alle persone di impostare i computer per 'riattivarsi su LAN'. Inutile dire che solo perché hai spento il computer, non significa che non possa essere avviato e violato.

Protezione del computer da potenziali attacchi

Quando ti connetti a una rete pubblica, qualcuno può hackerare il tuo computer tramite Wi-Fi e attivare l'accesso remoto? Ciò è possibile se non si adottano misure preventive per proteggere il computer dalle minacce. Ecco alcuni modi per proteggerti online:

    1. Installa un software anti-malware affidabile



Una volta che qualcuno ha hackerato con successo il tuo computer, potrebbe essere troppo tardi per te per proteggere le tue informazioni sensibili. Certo, puoi cacciare manualmente il malware, ma questo richiederà troppo tempo e prima che tu te ne accorga, i tuoi dati sono stati esposti o trapelati. Quindi, è meglio utilizzare uno strumento anti-malware di alta qualità come Anti-Malware che rileva automaticamente le minacce e le mette in quarantena o le elimina efficacemente.

  • Fai attenzione a ciò che apri online

Oggigiorno è più facile distinguere i siti Web sospetti. D'altra parte, ci sono e-mail dannose che sono abbastanza convincenti da indurti a fare clic sui collegamenti o ad aprire gli allegati. Se una e-mail non è richiesta, non leggerla né aprire alcun collegamento al suo interno. Se ricevi un'e-mail dalla tua banca, invece di aprire i collegamenti nella posta, apri il browser e naviga nel sito.

  • Non pubblicare informazioni sensibili online

Rivedi le tue impostazioni sulla privacy sui siti web dei social media. Può essere difficile profilare un target quando hanno rigide impostazioni sulla privacy dei social media. Tieni presente che ciò che pubblichi online è disponibile per tutti. Prima di pubblicare qualsiasi informazione, pensa attentamente se è una buona idea fornire quei dettagli.

  • Processo di autenticazione in due passaggi

Approfitta del processo di autenticazione a 2 fattori offerto da alcuni servizi come Gmail o LinkedIn. In questo modo, anche se il malware ha compromesso la tua password, c'è un altro passaggio che un hacker dovrebbe compiere prima di poter accedere alle tue informazioni. Nella maggior parte dei casi, quando qualcuno tenta di accedere al tuo account, ti verrà inviato un codice segreto tramite SMS.

  • Configura le impostazioni di sicurezza del tuo client di posta

Assicurati che il tuo client di posta elettronica non sia configurato per scaricare automaticamente le risorse dal Web o dalle immagini. È meglio se puoi impostarlo per ricevere e-mail in testo normale. Alcuni client di posta elettronica non lo fanno per impostazione predefinita, quindi assicurati di controllare le impostazioni di sicurezza.

Hai una visione diversa di questo problema? Puoi suggerire altri modi per evitare di diventare vittima di hacking? Fateci sapere nei commenti qui sotto!